mercoledì 20 febbraio 2013

Il PAPA FALSO - Santa Ildegarda











 
C'è meno preghiera che mai, più peccato che mai, ancora peggio, l'indifferenza come il peccato non esistesse più, e perciò abbiamo dato tanto più potere al “padre della menzogna”, Satana (Gv 8,44). In particolare Satana ha più potere di “mascherarsi come un angelo di luce” (2Cor 11,14), per offrire le sue belle bugie mortali come fossero “la verità che ci fa liberi” (Gv 8,32)!
Perciò è molto importante in questi tempi di grande confusione, quando perfino i vescovi cattolici non sono più d’accordo in quando riguarda le cose fondamentali della fede e della morale, di non soltanto pregare molto e di studiare il Catechismo della Chiesa Cattolica degli adulti, ma di tenere i nostri occhi aperti per non cadere nelle belle bugie di Satana presentate come fossero la Verità!!!
Per gli aggiornamenti molto importanti sugli inganni fondamentali, nascosti e mascherati del antico serpente, visitate uno dei miei siti indici per vedere gli utlimi articoli più importanti:




Don Jo (Joseph) Dwight



- - - - - - -


INTRODUZIONE:


IL PAPA FALSO, IL PROFETA FALSO, LA SECONDA BESTIA DELL’APOCALISSE!


Con le dimissioni del Papa Benedetto, alcuni ci dicono, e giustamente, di non esagerare, o immaginare o fabbricare tante cose con la fantasia. Dicono anche che Dio non ci abbandonerà e che Dio provvederà, che è vero. Ma tante volte c’è l’atteggiamento sotto questa speranza di rose che la provvidenza di Dio vuol dire l’esclusione delle grandi sofferenze e perfino i grandi disastri. E’ vero che, come cristiani, dobbiamo avere sempre la speranza. Ma tanti confondono la speranza divina con la speranza umana che non dobbiamo passare calvario con il nostro Capo, Gesù! C’è la speranza cristiana dopo la crocifissione!


Papa Giovanni Paolo II ci avverte: “Noi siamo di fronte oggi al più grande combattimento che l’umanità abbia mai visto. NON CREDO CHE LA COMUNITÀ CRISTIANA L’ABBIA COMPRESO TOTALMENTE. Siamo OGGI di fronte alla LOTTA FINALE fra la Chiesa e l’anti Chiesa, fra il Vangelo e l’anti Vangelo”.


PAPA GIOVANNI PAOLO II HA DETTE AD UN GRUPPO A FULDA, Germania in novembre 1980, parlando dei segreti di Fatima, che: “Dobbiamo essere preparati a soffrire presto grande tribolazioni che ci esigerà la disposizione di sacrificare perfino la nostra vita per Cristo. Attraverso le vostre e le mie preghiere, è ancora possibile di diminuire la tribolazione (predetta da Fatima), ma non è più possibile di evitarla, perché soltanto in questa maniera la Chiesa può essere rinnovata effettivamente. Quante volte è stato compiuto il rinnovo della Chiesa con il sangue. Non sarà diversa questa volta.”


PROPRIO PERCHÉ POCHISSIME PERSONE PREGANO OGGI, LA REALTÀ OGGI NON È TANTO BELLO. Alcuni vogliono accusarmi di essere pessimista, ma credo che sono piuttosto realista. Il non sono il tipo di guardare la realtà di oggi con gli occhiale di rose; con l’acqua di rose. Alcuni dei miei amici mi hanno messo nella categoria di mezzo matto, nella mentalità apocalittica, ma prendono l’atteggiamento che bisogna sopportarmi perché ci sono pochi preti oggi.
Gesù ha detto: “Non passerà questa generazione prima che tutto questo accada” (Mt 24,34; Mc 13,30; Lc 21,32). Ci sono tantissimi indicazioni e segni dai santi, dai papi e dai messaggi della Madonna che noi siamo “questa generazione” di cui Cristo ha riferito in Matteo 24. Credo che la nostra “generazione” vedrà l’inganno più subdolo e devastante di Satana nella storia del mondo e della Chiesa. I veri cristiani, che saranno sempre più nella minoranza e sempre più lontano dalla mentalità diffusa di relativismo e secolarismo, in questa situazione in cui il Papa Falso offre “una religione senza la croce”, saranno sempre più perseguitai da quelli che abbracciano questa cristianità falsa e comoda, e questi apostati finiranno ad ammazzare più cristiani possibile per calmare o piuttosto per vendicare le loro coscienze morte consegnate al “padre della menzogna” (Gv 8,44).


Credo anche che QUESTO INGANNO SARÀ FATTO IN UN MODO MOLTO MELLIFLUO, più nascosto possibile, per ingannare più persone possibile. Come Santa Ildegarda ha scritto (che è stata proclamata Dottore della Chiesa pochi mesi fa!!! (7 October 2012..)): “due terzi dei Cristiani lo seguiranno” (il papa falso, il profeta falso, la seconda bestia dell’Apocalisse)! Non credo che è per caso che Ildegarda era proclamata un Dottore della Chiesa in questo periodo molto particolare della storia della Chiesa! L’uomo avvisato mezzo salvato!


Quest’atteggiamento di etichettarmi, e anche ascoltando la reazione dei preti in Italia delle dimissioni del Papa, mi fa sempre più rendermi conto che tanti preti si sentono da pari a pari con il Vicario di Cristo; tanti preti non hanno quei occhi di fede di credere che Dio ha dato il Papa un carisma molto speciale per la Chiesa, un vero dono! E’ come il Papa ha il suo opinione e io ho il mio e basta! Tanti preti hanno l’atteggiamento di sopportare Papa Benedetto sperando che il prossimo Papa penserà come loro! Forse avranno il loro desiderio molto presto in un modo che non hanno mai immaginato, nella loro “sapienza e intelligenza” (Mt 11,25; Lc 10,21), in un inganno mascherato e camuffato meglio che mai prima! Il Papa, è stato così ignorato, disobbedito e disprezzato in questi ultimi 50 anni non soltanto dalla sinistra (ignorare o disobbedire) ma anche dalla destra (ribellione superba). Penso che questo posto vacante (mentre un “Giuda Iscariota” sarà in controllo del Vaticano) sarà un grande castigo giusto non soltanto per tutta la Chiesa ma per tutto il mondo. Il mondo essendo collegato intrinsecamente con tutta la creazione, va avanti o indietro secondo il comportamento e le scelte di quelli che hanno ricevuto molto di più da Dio in questa “lotta cosmica” (come Papa Giovanni Paolo II diceva), i laici cattolici, i sacerdoti e i vescovi della Chiesa Una Vera, la Chiesa Cattolica! Papa Paolo VI era così devastato dalla reazione a Humanae Vitae che ha detto, parlando della situazione della Chiesa, “DA QUALCHE FESSURA SIA ENTRATO IL FUMO DI SATANA NEL TEMPIO DI DIO” (29 giugno 1972). Papa Paolo VI non ha scritto un altro enciclico dopo Humanae Vitae (1968)!
Non è proprio nei nostri tempi egoistici, nella “cultura della morte” (Evangelium Vitae), che sentiamo gridato e promosso nel mass media la profezia di Gesù (l’ottava stazione della “Via Crucis”): “Ecco, verranno giorni nei quali si dirà: Beate le sterili e i grembi che non hanno generato e le mammelle che non hanno allattato. Allora cominceranno a dire ai monti: Cadete su di noi! E ai colli: Copriteli! (“I sopravvissuti si troveranno così desolati che invidieranno i morti.” – Akita). Perché se trattano così il legno verde (quando tutto è facile con il benessere e le ricchezze; niente sacrifici nel dare la vita, la procreazione (Gen 1,28), come ha fatto Dio creando noi!), che avverrà del legno secco?” (Lc 23,29-31). Nel passato questa profezia era spesso applicata alle donne di Gerusalemme e quelli come loro, quelli che aveva compassione per Gesù nelle sue grande sofferenze per noi; qualche volta questa interpretazione ha portato le persone di pensare che spero che non sono incinta o allattando un bambino in questo periodo! In the past this prophecy was often applied to the women of Jerusalem, those who had compassion for Jesus in His great sufferings for us. Gli economisti veritieri, che non promuovano la cultura della morte, ci dicono che uno dei fattori fondamentale che causa la crisi economico odierno è che per la prima volta nella storia del mondo e della Chiesa nei paesi più ricchi ci sono più nonni che bambini che devono sostenere le pensioni di quelli in pensione.


E’ interessante che questi preti ed altri che facilmente mi etichettano in una certa categoria non si interessano di avere un dialogo con me per poter cercare la verità insieme, ognuno offrendo l’informazione o le intuizioni che ha scoperto e ricevuto. Papa Giovanni Paolo II ha ripetuto molto spesso l’importanza di dialogare, dialogare, dialogare! Ma quando una persona è aperta a dialogare c’è il rischio di scoprire qualcosa fuori della sua testa (umiltà!) sfidandoci a cambiare la nostra idea o perfino a cambiare la nostra vita e poi di soffrire le conseguenze.



Recentemente (dopo l’annuncio delle dimissioni del Papa) una signora mi ha espresso la sua indignazione di una nomina recente per una posizione importante nel Vaticano. LEI VOLEVA METTERE TUTTA LA COLPEVOLEZZA SU PAPA BENEDETTO. Le ho detto che non sono aggiornato su tutte queste cose ma che ci sono più di uno fra dodici “Giuda Iscariota” nel Vaticano e nella Chiesa oggi. Che cosa può fare il Papa quando ci sono così pochi che riconoscono il suo ufficio importante e la sua vocazione data da Dio, e perciò non danno orecchio a ciò che il Papa dice o lo disobbediscono addirittura? Noi obbediamo la Chiesa ed il Papa che Cristo ci ha lasciato come un dono per far parte della soluzione o critichiamo la Chiesa ed il Papa per contribuire al problema? Normalmente ci sono sentimenti gratificanti dentro di noi quando critichiamo gli altri; il peccato è attraente e la via più facile! Ci vuole pochi per distruggere, ma tanti per costruire. Ci voleva tante persone e tanti anni per costruire le Torre Gemelli ma soltanto pochi minuti per mettere giù le Torre Gemelli! Tante persone hanno il vizio del criticare gli altri, ma quanti sono disponibili di pregare e offrirsi nel amore sacrificale e perseverante, in un modo coraggioso ma con umiltà, per difendere, protegger e fa crescere lo Sposo di Cristo, la Chiesa?


Quest’atteggiamento non mi meraviglia dopo aver letto: “Il MANOSCRITTO DEL PURGATORIO.” Nel libretto Suor Gabriella in purgatorio ha detto a Suor Maria della Croce: “Oh, se vi fosse dato di comprendere come Gesù è trattato con indifferenza e disprezzo sulla terra, non solo dalla gente comune, com'è insultato, schernito, messo in ridicolo, anche da coloro che dovrebbero amarlo! Così l'indifferenza si trova nelle Comunità, fra i Religiosi e le Religiose, Suo popolo eletto; là dove Egli dovrebbe essere trattato da Amico, da Padre, da Sposo, a momenti Lo si considera come un estraneo. Questa indifferenza la si trova anche fra il clero. Al presente, più che mai, GESÙ È TRATTATO DAI SACERDOTI DA PARI A PARI. Essi che dovrebbero tremare, pensando all’augusta missione loro affidata, il più sovente l’adempiono con freddezza, con tedio! Quanti ve ne sono che posseggano lo spirito interiore? Il loro numero è piccolo. Qui, in Purgatorio, i sacerdoti che espiano la loro indifferenza e la loro vita senza amore sono numerosi. Le loro colpevoli negligenze devono essere espiate mediante il fuoco e le torture d’ogni genere. Giudicate da tutto questo se il buon Dio, così buono, così amabile con le Sue creature, trovi che Lo amino e Lo ricambino. Ahimé! Quante poche ve ne sono! Ecco la grande sofferenza del Cuore di Gesù: l'ingratitudine tra i Suoi; e tuttavia il Suo Sacro Cuore è tutto pieno, tutto traboccante d'amore ed Egli cerca soltanto di riversarlo. Gesù vorrebbe trovare delle anime morte a sé stesse; verserebbe su di loro il Suo amore come un’inondazione, più di quello che Egli abbia mai fatto per qualcuno finora. Oh! Quanto poco sono dunque compresi sulla terra Gesù, la Sua misericordia, il Suo amore! Si cerca di conoscere, di approfondire tutto, eccetto quel che fa la vera felicità! Che tristezza!”
(“Un Manoscritto sul Purgatorio”; http://purgatorio-mano.blogspot.com).


“Oh, quale dolore prova il mio cuore, quando osservo una suore che non ha spirito religioso! Come si può piacere a Dio quando LA SUPERBIA E L’AMORE PROPRIO ESPLODONO E VENGONO COPERTI COL PRETESTO CHE CI SI PREOCCUPA DELLA GLORIA DI DIO, mentre in realtà si tratta della propria gloria?Quando vedo questo, la cosa mi dà molto dolore. Come può una simile anima unirsi strettamente a Dio? Non è nemmeno il caso di parlare di unione col Signore.” (Diario, 1139)
“In certi momenti ho conosciuto che le anime consacrate DIFENDONO LA PROPRIA GLORIA, FINGENDO DI DIFENDERE LA GLORIA DI DIO, ma non si tratta della gloria di Dio, bensì della propria gloria. … Come si possono rubare i doni di Dio? (Diario, 1149)
Il Signore ha detto a Santa Faustina: “Molte volte avrei voluto innalzare questa Congregazione, ma non lo posso fare per la sua superbia. Figlia Mia, sappi che alle anime superbe non concedo le Mie grazie, ma tolgo anche quelle che ho consesso.” (Diario, 1170)


Le rivelazioni private sono così importante che Satana cerca in tutti i modi di diminuire le loro divulgazione, influsso e effetto. Nel 1882, Cristo ha rivelato al stigmatista, Marie Julie Jahenny di La Fraudais, Francia che: “Nei ultimi tempi, una quantità, apparentemente senza limiti, di rivelazioni false, sorgerà dall’inferno come uno sciame di mosche; un ultimo tentato di Satana di strangolare e di distruggere l’efficacia delle rivelazioni vere con le false.”
Questa rivelazione di Gesù a Marie Julie indica che queste rivelazioni private sono abbastanza importanti che Satana si preoccupa di diminuire le loro efficacia come mezzo della conversione delle anime. Ma questo anche indica che ci sono tanti rivelazioni private false e quindi bisogno essere molto sapiente e prudente nel discernere le vere dalle false soprattutto in riguardo alle apparizioni in cui non sono approvate ancora dall’autorità legittima della Chiesa. Ci sono alcuni che hanno la tendenza di credere in ogni rivelazione privata, e poi ci sono alcuni che vogliono condannare ogni rivelazione privata a priori. Bisogno faticare e combattere ogni giorno per discernere per scoprire la verità. La virtù sta fra i due estremi come ci dice San Tommaso. Normalmente è più facile di andare verso un estremo o all’altro.
San Giovanni ci dice: “Carissimi, non prestate fede a ogni ispirazione, ma mettete alla prova le ispirazioni, per saggiare se provengono veramente da Dio, perché molti falsi profeti sono comparsi nel mondo.” (1Gn 4,1).


CI SONO ALCUNI CATTOLICI E GRUPPI CATTOLICI CHE SI METTONO NEL POSTO DI GIUDICARE e interpretare la legalità di leggere, promuovere o andare ai posti delle apparizioni non ancora approvate. Loro si mettono nel posto del vescovo locale o del Papa stesso; tanti vogliono pontificare! Facendo così spesso si soffoca tanta vita come fanno tanti vescovi e preti oggi. Spesso interpretano nel loro modo rigoroso “Il Decreto della Congregazione della Fede” (AAS n 58/16 del 29 dicembre 1966) che abroga i canoni 1399 e 2318 e che fu approvato da Paolo VI il 14 ottobre 1966. Altri critici cattolici accusano quelli che leggono e promuovano questi messaggi di queste apparizioni della Madonna (o anche la Testimonianza di Gloria Polo) di essere motivati soltanto dalla curiosità e dalla superbia (ma chi sono i superbi qui?) perché cercano di sapere ciò che non è per noi di sapere. Ma se uno crede come questi critici, allora perché stanno “moltiplicandosi le apparizioni mariane come un segno dei nostri tempi” come il Cardinale Ratzinger ha detto nel libro “Rapporto Sulla Fede” (1985)? Questi critici “sapienti” presumano di saper più che la Madre di Dio di ciò che ci vuole oggi? Secondo questi persone “intelligenti”, non può essere possibile un altro motivo per leggere e per promuovere i messaggi della Madonna nei nostri tempi molto particolari in cui gli uomini hanno bisogno di aiuto particolare dal cielo come Dio ha dato attraverso i profeti e i giudici nell’Antico Testamento? La Chiesa ci incoraggia di leggere tutta la Bibbia, anche i libri più difficili come l’Apocalisse, Daniele, Ezechiele, Matteo 24, Luca 21, Marco 13, ecc. In questi tempi di grande tribolazione e di grande inganno Dio ha mandato il più grande profeta umano, la Sua Madre, cominciando a Rue du Bac in Parigi (1830), dove Santa Caterina Laboure ha ricevuto alcune apparizioni di Maria che ha chiesto che la Medaglia Miracolosa sia coniata e la devozione promulgata. E’ impressionante quante persone scelgono di chiudere gli occhi e gli orecchi ai segni dei nostri tempi! Gesù ha chiamato queste persone “ipocriti” (Lc 12,56; Mt 16,3).
Gesù a Santa Faustina: “Guai a loro, se non riconosceranno il tempo della Mia venuta”! (Diario, 1160).


DIO O LA SUA MADRE NON SONO OBBLIGATI DI CHIEDERE IL PERMESSO da un vescovo o da un sacerdote o da un gruppo cattolico o da un moderatore di un blog cattolico sul Web per apparire o per dare rivelazioni private! Credo che poche persone che sono andate a Fatima il 13 ottobre 1917 hanno chiesto il permesso dai loro vescovi o dai loro parroci rispettivi o dalle persone che credono di essere sapienti e intelligenti e vogliono pontificare; e nonostante questa mancanza di permesso, Dio li ha premiato con il grande miracolo del sole. Dio ha spagliato secondo queste persone sapienti? Credo anche che mentre ci avviciniamo il periodo della “grande tribolazione” (Mt 24), Dio nel suo amore per noi, come una madre amorosa, darà ancora più aiuto e l’incoraggiamento e parole ai “piccoli”, disposti ad ascoltare, per aiutare tutti di buona volontà a preparare per sfruttare bene questo periodo di grande prova e sofferenza. In questo modo Dio ci offrirà l’ultimo aiuto a quelli che sono disponibili a convertirsi e mettere Dio nel primo posto nelle loro vite invece di se stessi o tante altre cose o persone.


Insomma, ho preso alcuni paragrafi dai miei scritti che si può stampare su un foglio, tutti i due lati. Per scaricare questo documento pronto a stampare, visitate:


Sotto troverete lo stesso documento ma con tanti riferimenti dal Internet che non sono incluso nel documento pronto a stampare.


- - - - - - -


Il PAPA FALSO – Santa Ildegarda


L’uomo avvisato mezzo salvato!


Santa ILDEGARDA di BINGEN (m. 1179), il nuovissimo Dottore della Chiesa, ha scritto che quando il nuovo Papa sarà eletto pochissimo tempo prima dell’Anticristo, un cardinale ucciderà il Papa, prima che sia coronato, a causa di gelosia, volendo essere lui il Papa. Poi quando gli altri cardinali eleggono il prossimo, questo cardinale si proclamerà Papa, e due terzi dei Cristiani lo seguiranno. Lei nota che questo Antipapa insieme con l’Anticristo sono discendenti della tribù di Dan. Se questa rivelazione privata di Ildegarda risulterebbe vero, è possibile che questo Antipapa, che apparirà “POCHISSIMO TEMPO PRIMA DELL’ANTICRISTO”, fosse il profeta falso predetto nel libro dell’Apocalisse (Apoc 16,13; 19,20; 20,10; ch. 13 ecc.) che collaborerà con la PRIMA “BESTIA”, l’Anticristo, per sottomettere e condurre il mondo all’Anticristo?


“SATANA SI MASCHERA DA ANGELO DI LUCE” (2Cor 11,14).


La Bestia sarà capace di fare “grandi portenti e miracoli, così da indurre in errore, se possibile, anche gli eletti” (Mt 24,24; Mc 13,22; Apoc 13,8; 19,20)!


Prima della seconda venuta di Gesù Cristo “infatti DOVRÀ AVVENIRE L’APOSTASIA e dovrà esser rivelato l’uomo iniquo, il figlio della perdizione, colui che si contrappone e s’innalza sopra ogni essere che viene detto Dio ed è oggetto di culto, fino a sedere nel tempio di Dio, additando se stesso come Dio” (2Ts 2,3-4).


LA SECONDA BESTIA (il profeta falso) “esercita tutto il potere della prima bestia (l’anticristo) in sua presenza e costringe la terra e i suoi abitanti ad adorare la prima bestia, la cui ferita mortale era guarita. Operava grandi prodigi, fino a fare scendere fuoco dal cielo sulla terra davanti agli uomini … e potesse far mettere a morte tutti coloro che non adorassero la statua della bestia. Faceva sì che tutti, piccoli e grandi, ricchi e poveri, liberi e schiavi ricevessero un marchio sulla mano destra e sulla fronte (IL MICROCHIP); e che nessuno potesse comprare o vendere senza avere tale MARCHIO” (DELLA BESTIA!) (Apoc 13).
(“Profezia Cattolica Oggi”; http://marchiobestia.blogspot.com).
("Il Micro-Chip è il “Segno” della Bestia dell'Apocalisse”; http://www.margheritadigesu.it/pagine/microchip.html).


QUELLI CHE SI SONO LASCIATI SCIVOLARE lentamente nella comodità del soggettivismo e del relativismo, che ci circonda totalmente oggi come l’aria che respiriamo, fabbricando la verità (“v” minuscolo) comoda secondo le loro teste, saranno molto contenti con questo nuovo “Giuda Iscariota”, che prenderà controllo del Vaticano, e che approverà il loro egoismo mascherato nel nome della religione. ECCO “L’APOSTASIA” che vediamo negli ultimi 50 anni! Ognuno è dio (Gen 3,4-5)! Diranno: “Oh, finalmente abbiamo un Papa moderno, in gamba che pensa come noi!” Non si chiede più la domanda che cosa vuole Gesù, non si confronta la sua vita con il Catechismo della Chiesa Cattolica, non si chiede quali sono gli effetti sugli altri a causa delle mie azioni, come vendere la pornografia per 4 quattrini (CCC 2354), l’aborto, …; non se ne frega, nonostante che Dio ci ha dato tutto quello che abbiamo, e perfino ha mandato il suo unico Figlio, Gesù Cristo, per morire sulla croce per ognuno di noi! “Dio invia loro una potenza d'inganno perché essi credano alla menzogna e così siano condannati tutti quelli che non hanno creduto alla verità, ma hanno acconsentito all'iniquità” (2Ts 2,11-12).


I PRETI (CAPITANI) E I VESCOVI (GENERALI) CHE HANNO ASSECONDATO QUESTO SCIVOLARE NEL RELATIVISMO e il rilassamento con il loro silenzio colpevole e il loro disobbedienza al Vicario di Cristo, il Papa, come ad esempio “Humanae Vitae” (1968), o il grande dovere di mantenere una grande reverenza davanti al Dio infinito nell’Eucaristia (Memoriale Domini, 1969), in questa “lotta tremenda” (CCC 409), hanno una colpevolezza molto molto più grande avendo ricevuto una grande vocazione e responsabilità con le grazie corrispondenti. PREGIAMO PER I NOSTRI PASTORI! Bisogna lottare ogni giorno con fatica per scoprire la Verità (“V” maiuscolo!), per vivere la Verità con l’aiuto di Dio, per poter portare se stesso e gli altri alla Verità non soltanto in questa vita corta ma per tutta l’eternità. Dio, Che è amore, e perciò rispettoso del nostro libero arbitrio, non costringe nessuno a stare con la Verità che è Dio! “La pena principale dell’inferno consiste nella separazione eterna da Dio” (CCC 1035). Dio, Che è amore, rispetta la nostra grande dignità al livello degli angeli, creati nel Suo immagine (Gen 1,26-27), e perciò anche se viviamo come animali senza responsabilità, saremmo giudicati come esseri umani alla fine della nostra vita. Se molto più persone avessero pregato 100 anni fa, Hitler non avrebbe potuto fare ciò che ha fatto. Oggi ci sono molto meno persone che pregano con l’intenzione di scoprire e di fare la volontà di Dio! Meritiamo ciò che sta succedendo e ciò che sta arrivando con il “NUOVO ORDINA MONDIALE”, adesso in modo abbastanza nascosto, ma fra poco, totalmente all’aperto!


La prima domanda che abbiamo imparato dal catechismo da bambini era: Perché Dio ti ha creato? E abbiamo risposto: Per conoscere, amare e servire Dio. OGGI È TOTALMENTE ROVESCIATO: la religione esiste per tantissime persone per servire me, non per aiutarmi a servire Dio, non per aiutarmi a scoprire la volontà di Dio dagli insegnamenti della Chiesa guidata dal Papa (Mt 16,18), non per aiutarmi a fare la volontà di Dio con l’aiuto della preghiera e dei Sacramenti (come diciamo nel Padre Nostro: “Sia fatta la TUA Volontà”!). La grande maggioranza delle persone oggi non vogliono fare neanche il primo passo di scoprire ciò che Dio vuole. La loro filosofia di vita è: “Occhio non vede, cuore non duole”! Non duole oggi, ma domani, e dopo la morte?!? Gli ultimi Papi ci dicono che il peccato più grave oggi è che abbiamo perso il senso del peccato. Si fida in se stesso e non in Dio-Amore! “Gesù confido in Te!” (Santa Faustina).


PAPA GIOVANNI PAOLO II (FRA ALTRE OCCASIONI) HA PARLATO CON FERMEZZA AI VESCOVI NEGLI STATI UNITI (LA, 16-09-1987) CONTRO UN TIPO DI CATTOLICESIMO COME UN BUFFET CON AMPIA VARIETA’ DI SCELTE: “Talvolta è stato detto che un gran numero di cattolici, oggi, non aderisce agli insegnamenti della Chiesa su un gran numero di questioni, soprattutto riguardanti la morale sessuale e coniugale, il divorzio e le nuove nozze. Di alcuni è stato detto che non accettano la chiara posizione della Chiesa riguardo all’aborto. Si è notato inoltre che vi è una tendenza, da parte di alcuni cattolici, ad essere selettivi nella loro adesione agli insegnamenti morali della Chiesa. Alcuni sostengono che il dissenso dal magistero è del tutto compatibile con l’essere “buoni cattolici” e non costituisce un ostacolo alla ricezione dei sacramenti. Questo è un grave errore che rappresenta una sfida all’ufficio magisteriale dei vescovi degli Stati Uniti, e dei vescovi di altri Paesi. Desidero incoraggiarvi nell’amore di Cristo ad affrontare coraggiosamente nel vostro ministero pastorale questa situazione, affidandovi alla forza della verità divina per guadagnare il consenso, e alla grazia dello Spirito Santo che è donata sia a coloro che proclamano il messaggio sia a coloro ai quali esso è indirizzato.”


Il Servo di Dio, l’ARCIVESCOVO FULTON SHEEN, ha detto: “Il profeta falso avrà una religione senza la croce, una religione senza un mondo che verrà, una religione per distruggere le religioni. Sarà una chiesa falsa. La Chiesa di Dio sarà Una, e il Profeta Falsa creerà l’altra. La chiesa falsa sarà mondana, ecumenica (falsa, non ecumenica secondo l’insegnamento del Secondo Concilio Vaticano) e globale. Sarà una federazione vaga di chiese, religioni che formeranno una specie di associazione globale, un parlamento mondiale di chiese. Sarà vuota di tutto il contento divino e sarà il corpo mistico dell’Anticristo. Il Corpo Mistico di Cristo sulla terra avrà il suo Giuda Iscariota e sarà il Profeta Falso. SATANA LO ARRUOLERÀ FRA I VESCOVI CATTOLICI.”
(“Il tutto va riferito a chi “usurperà” la Cattedra di Pietro e sarà quindi un falso Papa. Questo tempo è prossimo!...”; “Avvertimenti Profetici per la “Chiesa” (Anno 2005)”; http://www.margheritadigesu.it/pagine/avvprofeticichiesa0507.html).
(“Ricordate questo: quando Mio figlio Pietro non sarà più nel potere di guidare la Chiesa, allora starete molto attenti nel fare ciò che vi chiederanno. Occorrerà molto discernimento e lasciarsi guidare interiormente e non pensare troppo al ‘poi’.”; http://www.margheritadigesu.it/pagine/avvprofeticichiesa9902.html).


Il Catechismo della Chiesa Cattolica (e anche 1Gv 2,18) indica che SARÀ UN ANTICRISTO IN PARTICOLARE (CCC 675): “Prima della venuta di Cristo, la Chiesa deve passare attraverso una prova finale che scuoterà la fede di molti credenti (Cf. Lc 18,8; Mt 24,12). La persecuzione che accompagna il suo pellegrinaggio sulla terra (Cf. Lc 21,12; Gv 15,19-20) svelerà il “mistero di iniquità” sotto la forma di una impostura religiosa che offre agli uomini una soluzione apparente ai loro problemi, al prezzo dell’apostasia dalla verità. La massima impostura religiosa è quella dell’Anti-Cristo, cioè di uno pseudo-messianismo in cui l’uomo glorifica se stesso al posto di Dio e del suo Messia venuto nella carne” (Cf. 2Ts 2,4-12; 1Ts 5,2-3; 2Gv 7; 1Gv 2,18.22).


“IL CARDINALE IVAN DIAS A LOURDES HA DETTO: “Quale significato può avere il messaggio di Nostra Signora di Lourdes per noi oggi? Amo collocare queste apparizioni nel contesto più ampio della lotta permanente e feroce fra le forze del bene del male, che continuerà fino alla fine dei tempi.” La Madonna prevedeva “il sorgere dell’Anticristo e i suoi tentativi per rimpiazzare Dio nella vita degli uomini; tentativi che malgrado i loro successi eclatanti, saranno tuttavia destinati al fallimento”. Il porporato consiglia di pregare il Rosario, e di praticare la conversione del cuore, e di accettare le sofferenze per la salvezza del mondo. Specialmente ora, spiega, perché “La lotta fra Dio e il suo nemico divampa sempre, ancora più oggi, perché il mondo si trova terribilmente inghiottito nella palude di una secolarismo che vuole creare un mondo senza Dio; di un relativismo che soffoca i valori permanenti e immutabili del Vangelo; di un’indifferenza religiosa che resta imperturbabile di fronte al bene superiore delle cose che riguardano Dio e la Chiesa”. E poi cita Giovanni Paolo II: “NOI SIAMO DI FRONTE OGGI AL PIÙ GRANDE COMBATTIMENTO CHE L’UMANITÀ ABBIA MAI VISTO. Non credo che la comunità cristiana l’abbia compreso totalmente. Siamo oggi di fronte alla LOTTA FINALE fra la Chiesa e l’anti Chiesa, fra il Vangelo e l’anti Vangelo”. MA È LA DONNA “DELLA GENESI E DELL’APOCALISSE”, conclude il cardinale, “CHE COMBATTERÀ ALLA TESTA DELL’ESERCITO DEI SUOI FIGLI E FIGLIE CONTRO LE FORZE NEMICHE DI SATANA E SCHIACCERÀ LA TESTA DEL SERPENTE (Gen 3,15)” (13 dicembre 2007).


Leggete il libro profetico di SAN LUIGI MARIA GRIGNION DE MONTFORT: “Trattato Della Vera Devozione A Maria”!


E’ interessante che Papa Benedetto XVI ha invitato CARDINALE BIFFI DI OFFRIRE L’ANNUALE RITIRO AL PAPA e ai membri più importante del Vaticano il 27 febbraio 2007. Il cardinale parla spesso sulla tema dell’Anticristo. “Times di Londra” ha riportato nel 2004 che il Cardinale descrive l’Anticristo “camminando fra noi”. “Verranno giorni in cui nella cristianità si tenterà di risolvere il fatto salvifico in una mera serie di valori. E’ un passaggio chiave dell’ultima opera di Vladimir Solovev, “I Tre Dialoghi E Il Racconto Dell'anticristo”, al centro delle riflessioni del cardinale Giacomo Biffi. Il filosofo russo, morto nell’anno 1900, con grande acume aveva profetizzato le tragedie del XX secolo. Nei “Dialoghi”, ha ricordato il porporato, L’ANTICRISTO SI PRESENTA COME PACIFISTA, ECOLOGISTA ED ECUMENISTA. Convocherà un Concilio ecumenico e cercherà il consenso di tutte le confessioni cristiane concedendo qualcosa ad ognuno. Le masse lo seguiranno, tranne dei piccoli gruppetti di cattolici, ortodossi e protestanti. Incalzati dall’anticristo, risponderanno: “Tu ci dai tutto, tranne ciò che ci interessa, Gesù Cristo”. Questo racconto, ha detto il cardinale Biffi, ci è di ammonimento. Oggi, infatti, corriamo il rischio di avere un Cristianesimo che mette tra parentesi Gesù con la sua Croce e Risurrezione. ….”


RELATIVISMO, secondo Papa Benedetto XVI, “è la difficoltà più profonda dei nostri tempi.” Nella sua omelia alla Messa prima del conclave che l’ha presto eletto Papa Benedetto XVI, l’allora Cardinale Ratzinger ha detto: “Avere una fede chiara, secondo il Credo della Chiesa, viene spesso etichettato come fondamentalismo. Mentre il relativismo, cioè il lasciarsi portare “qua e là da qualsiasi vento di dottrina”, appare come l’unico atteggiamento all’altezza dei tempi odierni. SI VA COSTITUENDO UNA DITTATURA DEL RELATIVISMO che non riconosce nulla come definitivo e che lascia come ultima misura solo il proprio io e le sue voglie.”


“UN GIORNO VIDI DUE STRADE: una strada larga cosparsa di sabbia e di fiori, piena di allegria, di musica e di vari passatempi. La gente andava per quella strada ballando e divertendosi. Giungono alla fine, ma non s’accorgono che è finita. Alla fina di quella strada c’era uno spaventoso precipizio, cioè l’abisso infernale. Quelle anime cadevano alla cieca in quella voragine; man mano che arrivavano, precipitavano dentro. E c’è n’era un così gran numero, che era impossibile contarle. E vide un'altra strada, o meglio un sentiero, poiché era stretto e cosparso di spine e di sassi e la gente che andava per quella strada aveva le lacrime agli occhi ed era piena di dolori. Alcuni cadevano sulle pietre, ma si alzavano subito e proseguivano. Ed alla fine della strada c’era uno stupendo giardino pieno di ogni felicità e tutte quelle anime vi entravano. Subito, fin dal primo momento, dimenticavano i loro dolori” (Diario, 153).


“Oggi, sotto la guida di un angelo, sono stata negli abissi dell’inferno… Una cosa ho notato e cioè che la maggior parte delle anime che ci sono (nell’inferno), sono anime che NON CREDEVANO CHE CI FOSSE L’INFERNO” (Diario, 741). E’ stato raccontato a Papa Giovanni Paolo II che l’esorcista principale del Vaticano, Padre Gabriele Amorth, “conosce troppi vescovi che non credono nel demonio.” Il Papa gli ha risposto, secco: “CHI NON CREDE NEL DEMONIO NON CREDE NEL VANGELO”. Amorth ha detto in una intervista 2001: “Abbiamo interi episcopati contrari agli esorcismi. Ci sono nazioni completamente prive di esorcisti, come la Germania, l’Austria, la Svizzera, la Spagna e il Portogallo.” Noi poveri soldati semplici siamo sul campo della grande battaglia spirituale e tanti dei nostri generali (vescovi) e capitani (preti) ci dicono che il nemico non esiste! Siamo messi male, anzi, fregati!


SUOR LUCIA DI FATIMA ha detto a padre Fuentes, il postulatore della causa di beatificazione dei pastorelli Francisco e Jacinta, il 26 dicembre 1957: “La Madonna è molto triste perché non si è fatto caso al suo messaggio del 1917… Né i buoni, né i malvagi l'hanno tenuto in considerazione. Credetemi Padre mio, il Signore castigherà il mondo assai presto, il castigo è imminente. Molte nazioni scompariranno dalla superficie della terra, parecchie nazioni saranno annientate. ... Il demonio sa che i religiosi e i sacerdoti, venendo meno alla loro bella vocazione, trascinano molte anime all'inferno… La terza volta mi disse che, esauriti gli altri mezzi disprezzati dagli uomini, ci offre con tremore l'ultima ancora di salvezza: la Santissima Vergine in persona, Sue numerose apparizioni, lacrime, messaggi di veggenti ovunque nel mondo. Disse la Madonna che se non ascoltiamo e offendiamo ancora non saremo più perdonati. Padre, è urgente che ci rendiamo conto di questa realtà terribile. NON VOGLIAMO RIEMPIRE LE ANIME DI PAURA, MA SOLO È URGENTE UN RICHIAMO ALLA REALTÀ. Da quando la Santa Vergine ha dato una così grande efficacia al Rosario, non esiste alcun problema materiale, spirituale, nazionale o internazionale che non si possa risolvere con IL SANTO ROSARIO E CON I NOSTRI SACRIFICI. Recitarlo con devozione sarà consolare Maria e tergere tante lacrime dal suo Cuore Immacolato. ... La Madonna ha espressamente detto: "Ci avviciniamo agli ultimi tempi".”


Il CARDINALE RATZINGER ha detto: “Uno dei SEGNI DEI NOSTRI TEMPI è la moltiplicazione delle apparizioni mariani” (“Rapporto Sulla Fede”; 1985).


LA MADONNA A AKITA, GIAPPONE ha detto (13 Ottobre 1973: l’anniversario del grande miracolo del sole il 13 Ottobre 1917 a Fatima, Portogallo; Anche la stessa data (13 Ottobre - 1884) della visione diabolica di Leone XIII che ha motivato il Papa di comporre “La Preghiera A San Michele Arcangelo” e di farlo stampare e di farlo pervenire a tutti gli Ordinari del mondo): “Come vi dissi, se gli uomini non si pentono e migliorino loro stessi, il Padre infliggerà un terribile castigo su tutta l'umanità. Sarà un castigo più grande del diluvio, come non si avrà mai visto prima. Il fuoco cadrà dal cielo e farà morire una grande parte dell´umanità, i buoni e i cattivi , non risparmiando né preti né fedeli. I sopravvissuti si troveranno così desolati che invidieranno i morti. Le uniche arme che rimarranno per Voi saranno il Rosario e il Segno lasciato a voi da mio Figlio. Recitate ogni giorno, la preghiere del Rosario. COL ROSARIO, PREGATE PER IL PAPA, I VESCOVI E I SACERDOTI . L´opera del diavolo si infiltrerà anche nella Chiesa in tale modo che vedrete cardinali contro cardinali e vescovi contro altri vescovi. I preti che mi venerano saranno disprezzati e saranno opposti dai loro confratelli. La Chiesa e gli altari saranno danneggiati. La Chiesa sarà pieno di quelli che accettano compromessi …”


“LA PROFEZIA DI DON BOSCO DELLE DUE COLONNE” ci fa capire la grande importanza di rimanere molto vicino a Gesù nell’Eucaristia (finché sia possibile) con il Rosario in mano.
(Visitate: “La Profezia di Don Bosco delle due Colonne" a http://www.mariadinazareth.it/don%20bosco%20sogno.htm).


L’ultima parte dell’omelia del Santo Padre BENEDETTO XVI; Spianata del Santuario di Fátima; 13 maggio 2010:
“SI ILLUDEREBBE CHI PENSASSE CHE LA MISSIONE PROFETICA DI FATIMA SIA CONCLUSA. … Con la famiglia umana pronta a sacrificare i suoi legami più santi sull’altare di gretti egoismi di nazione, razza, ideologia, gruppo, individuo, è venuta dal Cielo la nostra Madre benedetta offrendosi per trapiantare nel cuore di quanti le si affidano l’Amore di Dio che arde nel suo. In quel tempo erano soltanto tre, il cui esempio di vita si è diffuso e moltiplicato in gruppi innumerevoli per l’intera superficie della terra, in particolare al passaggio della Vergine Pellegrina, i quali si sono dedicati alla causa della solidarietà fraterna. POSSANO QUESTI SETTE ANNI CHE CI SEPARANO DAL CENTENARIO DELLE APPARIZIONI AFFRETTARE IL PREANNUNCIATO TRIONFO DEL CUORE IMMACOLATO DI MARIA A GLORIA DELLA SANTISSIMA TRINITÀ.”


Il centenario dell’anniversario del grande miracolo del sole, il 13 Ottobre 1917 a Fatima, Portogallo, sarà il 13 Ottobre 2017! Credo che presto il Corpo di Cristo, la Chiesa, come una grande purificazione, dovrà passare la tappa della crocifissione come il suo Capo, Cristo, tre ore sulla croce, e perfino gridare con il suo Capo: “Dio mio, Dio mio, perché mi ha abbandonato?” (Mt 27,46; Mc 15,34; Apoc 13,7). Questo periodo sarà la più GRANDE TRIBOLAZIONE nella storia del mondo e della Chiesa (Mt 24,21-22; Ger 30,7; Dn 12,1).


Facciamo una buona confessione e cambiamo vita, con tanta preghiera e sacrifici e buona volontà, finché le porte della Misericordia sono aperte.


Gesù a Santa Faustina: “PRIMA CHE IO VENGA COME GIUDICE GIUSTO, spalanco la porta della Mia Misericordia. Chi non vuole passare attraverso la porta della Misericordia, deve passare attraverso la porta della Mia Giustizia” (Diario, 1146).


Gesù ha detto a Santa Faustina (della Divina Misericordia): “PREPARERAI IL MONDO ALLA MIA ULTIMA VENUTA” (Diario di Santa Faustina, 429).


Don Jo (Joseph) Dwight (http://giuseppedwight.blogspot.com)




Nessun commento: